JOB24
- Home News Ricerca Annunci Strumenti Formazione e Master Blog
Cerca   nel sito   con   Google
 
8 agosto 2012

Ma dove vanno i neolaureati ? - Se c'è crisi, meglio puntare sul concreto: produzione e amministrazione. Lo dice una ricerca della Bicocca

Rosanna Santonocito

Produzione, amministrazione,contabilità &controllo di gestione, commerciale & distribuzione, progettazione: ecco le aree in cui si impiegano di preferenza i neolaureati milanesi della Bicocca al primo impiego in azienda. Al quarto posto ci sono le risorse umane & organizzazione. Ma qui l'ingresso delle forze giovani e fresche risulta dimezzato - e diminuiscono anche le assunzioni nel marketing (del 37,0%) e nella comunicazione e relazioni pubbliche (-31,7%), mentre crescono del 10, 8% quelle nei sistemi informativi e reti - rispetto al periodo pre-crisi.

Si parla infatti dei laureati tra il 2008 e il 2011, finiti per la metà e oltre a lavorare in produzione. Nel 2007 in quest'area funzionale si collocava il 43, 3 % dei neoassunti con titolo unversitario; oggi, invece, «rappresenta di gran lunga il maggior catalizzatore occupazionale: 53,4% nel 2010», come spiega Paolo Mariani, professore straordinario di Statistica Economica all'Università di Milano-Bicocca, coordinatore di una ricerca diffusa oggi dall'ateneo.
I risultati parlano chiaro, quindi: nei periodi di difficoltà economiche, le aziende che scelgono di investire sulle nuove leve in uscita dall'università tendono a dedicarle a mansioni più concrete e legate al prodotto e al profitto, e molto meno a impiegarle in aree e ruoli di ideazione o di sviluppo.

Lo studio della Bicocca parte dalla rielaborazione dei dati delle indagini interuniversitarie Stella-Cilea, che riunisce 12 atenei . otto dei quali in Lombardia sull'occupazione dei laureati dell'ateneo dal 2008 al 2011, confrontati anche con quelli della banca dati Excelsior-Unioncamere che monitora il fabbisogno di personale di oltre 100 mila aziende italiane.

«Secondo l'indagine Stella, con riferimento all'anno 2010, i destini aziendali dei laureati presso l'Università Milano Bicocca durante la crisi raccontano di un impiego diffuso in ogni area aziendale pur con intensità diverse» nota Mariani. Il divario tra la produzione e le altre funzioni è comunque molto ampio: sempre nel 2010, in Amministrazione, contabilità e controllo di gestione si è occupato il 10,4% dei neolaureati , il 9,5% è andato in ricerca e sviluppo, il 5,3% nell'area commerciale e distribuzione si pone al 5,3%. Al di sotto del 4%: progettazione (3,9%); risorse umane e Organizzazione (3,6%, nel 2007 le Hr erano il 6,8%); marketing (3,3%, era il 5,2% nell'anno prima della crisi); sistemi informativi e reti (3,3%, 2,9% nel 2007); finanza (2,3%, dal 2,9%); comunicazione e relazioni pubbliche (2,1%, dal 3,1% che era tre anni prima); qualità sicurezza e ambiente (1,7%, crolla dal 2,4%); legale (1,2%, assorbiva l'1,6 per cento dei neolaureati nel periodo pre-crisi).

L'indagine della Bicoca prende anche in considerazione le retribuzioni offerte nelle diverse aree. Nell'ultima rilevazione, i laureati occupati nell'area finanza guadagnano quasi il doppio di quelli inseriti nell'area Legale:1.160 euro contro 668 euro.
Ricevono una busta paga oltre i 1.100 euro anche i laureati inseriti nei sistemi informativi e reti. "Milleuristi" risultano i giovani impiegati nelle aree di progettazione; Hr e amministrazione,comunicazione, produzione, commerciale & distribuzione. Retribuzioni sotto i mille euro, infine, nell'area ricerca & sviluppo; nel marketing, in qualità sicurezza & ambiente.

Un paradosso, per finire: la ricerca & sviluppo, pur garantendo una retribuzione di quelle della fascia più bassa («negli ultimi quattro anni ha superato i mille euro solo nel 2008», nota il docente), è l'area funzionale dell'azienda in cui si concentrano i laureati più brillanti: Il 68,4% dei giovani impiegati ci arriva con un voto di laurea compreso tra il 106 ed il 110 e lode.


Tabelle


SEGUI JOBTALK E JOB24.IT ANCHE SU TWITTER CON 24JOB

 
  - Commenti -
Occupazione giovanile - Concorso «Digit@lia for talent»: in premio 100mila euro per realizzare un progetto sociale legato alla tecnologia
Il lato B / Ma dove vanno i neolaureati? In azienda si investe sulla concretezza, meno sulla creatività e lo sviluppo - JobTalk

RISULTATI
0
0 VOTI

Clicca per Condividere

RSS RSS Feeds
Ricerca Annunci
INIZIATIVE

Rivista italiana di management del Gruppo 24 Ore. Per aggiornare il manager sulle tendenze e le novità in tema di gestione d'impresa sotto diversi punti di vista

Il Gruppo 24 ORE per un nuovo Team professionale di vendita ricerca giovani max 32enni, ambosessi con spiccate doti relazionali e notevole capacità comunicativa



Il percorso del tuo Sapere
PIU LETTI
SHOPPING24