JOB24
- Home News Ricerca Annunci Strumenti Formazione e Master Blog
Cerca   nel sito   con   Google
 
19 giugno 2012

Qui Group - Venti posti aperti nel 2012 e un piano di alta formazione: così il vecchio buono pasto diventa una smart card

Andrea Curiat

Addio, vecchio voucher di carta. La nuova versione del buono pasto potrebbe essere più simile a un incrocio tra una carta di credito e una tessera elettronica personale. Per elaborarla, serviranno professionisti con competenze nuove rispetto a quelle tradizionali di stampo amministrativo-contabile: ci sarà bisogno di matematici, ingegneri, informatici, programmatori. Ne è convinto Giovanni Facco, direttore del personale di Qui Group , società attiva in buoni pasto, monetica, e servizi legati al welfare sociale e aziendale.

«Stiamo cambiando pelle – spiega Facco – e puntiamo tutto sull'innovazione tecnologica. Stiamo introducendo nuovi servizi o veicoliamo quelli tradizionali attraverso nuove piattaforme tecnologiche. Attraverso la stessa card, ad esempio, possiamo veicolare buoni acquisto, voucher, forme di sconti e pagamento, ma anche documenti di riconoscimento per i dipendenti che entrano in azienda».Giovanni Facco

Per questa ragione, Qui Group sta portando avanti un duplice processo di nuovi inserimenti: «Da un lato – spiega ancora il manager – contiamo di inserire entro la fine dell'anno 20 nuovi dipendenti, di cui 7 sono già stati assunti. Cerchiamo competenze significative nel campo del marketing e delle analisi di mercato sul fronte dei beni di consumo, ma anche dipendenti per il settore commerciale e nel campo amministrativo-contabile».
Questa fase di assunzioni è legata alla crescita strutturale del gruppo, che negli ultimi 5 anni ha visto il fatturato consolidato aumentare a un tasso medio del 23% annuo, sino a raggiungere a fine 2011 i 500 milioni di euro con 18 milioni di utenti, 120mila esercizi convenzionati e più di mille dipendenti e collaboratori.

Il secondo driver di crescita è legato proprio all'innovazione. A maggio, Qui Group ha avviato un corso di alta formazione retribuito con borsa di studio e destinato a 20 ricercatori. L'azienda sta portando avanti un progetto per sviluppare prodotti e servizi nell'ambito della monetica in collaborazione con Poste Italiane, grazie a un finanziamento da 15 milioni di euro ottenuto dalla società in risposta a un bando del Ministero dell'istruzione. «Per questo progetto, in Campania abbiamo assunto circa 25 persone tra programmatori, esperti di informatica e ingegneri», afferma Facco.

La composizione demografica dell'organico di gruppo, peraltro, rappresenta una vera e propria eccezione in Italia: «L'azienda è cresciuta molto in questi anni, compatibilmente con i nuovi ambiti di sviluppo e di mercato. L'età età media dei dipendenti è di 33-34 anni, e la percentuale di donne sfiora il 75% del totale. Abbiamo anche un tasso di assenteismo molto basso, che non arriva complessivamente al 2 per cento», rileva ancora Facco. Secondo il direttore Hr, l'alta percentuale di risorse femminili è dovuta in parte all'area di attività della società, specializzata nel settore dei servizi, dall'altro a una scelta di fondo dei vertici aziendali. «Una quota rosa così elevata è stata raggiunta probabilmente per caso, ma oggi caratterizza profondamente l'azienda e vogliamo preservarla».
In un clima aziendale così giovane, non ci sono percorsi di crescita formalizzati, ma quasi tutti i dipendenti hanno dinanzi a sè buone opportunità di carriera interna. «Per quanto riguarda i contratti utilizzati, i neolaureati cominciano solitamente con uno stage o un contratto di somministrazione; poi, a seconda dell'età e dell'esperienza, si passa a contratti a tempo determinato o di apprendistato per sfociare in un tempo indeterminato», conclude il responsabile risorse umane.

Per candidarsi alle posizioni aperte presso Qui Group, è possibile inoltrare il proprio cv scrivendo a personale@quigroup.it o compilando il form alll'indirizzo http://www.quigroup.it/lavora-con-noi.html.


SEGUI JOBTALK E JOB24.IT ANCHE SU TWITTER CON 24JOB

 
  - Commenti -
Fondazione Cologni dei Mestieri d'arte- «Maestri del fare» a Milano: un'indagine e un libro sull'artigianato artistico di eccellenza

RISULTATI
0
0 VOTI

Clicca per Condividere

RSS RSS Feeds
INIZIATIVE

Rivista italiana di management del Gruppo 24 Ore. Per aggiornare il manager sulle tendenze e le novità in tema di gestione d'impresa sotto diversi punti di vista

Il Gruppo 24 ORE per un nuovo Team professionale di vendita ricerca giovani max 32enni, ambosessi con spiccate doti relazionali e notevole capacità comunicativa



Il percorso del tuo Sapere
PIU LETTI
SHOPPING24
SHOPPING24