JOB24
- Home News Strumenti Formazione e Master
Cerca   nel sito   con   Google
 
20 luglio 2011

Il cv atipico di Marco Bianchi, ricercatore molecolare ma anche chef

Fabrizio Buratto

Marco Bianchi, un nome comune per un curriculum atipico: ricercatore presso la Fondazione IFOM – Istituto FIRC (Fondazione Italiana per la Ricerca sul Cancro) di Oncologia Molecolare di Milano, è autore di due libri di successo editi da Ponte alle Grazie: "I magnifici 20 – I buoni alimenti che si prendono cura di noi" e "Le ricette dei magnifici 20 – I buoni piatti che si prendono cura di noi". La sua passione per la cucina lo porterà presto anche in TV: «Mi hanno chiamato a condurre un programma che andrà in onda su una delle reti del gruppo Fox da settembre. Abbiamo cominciato le registrazioni e mi diverto molto: vado nelle case di alcune famiglie italiane per cercare di rieducarle nelle abitudini alimentari».

Nome

Marco

Cognome

Bianchi

Soprannome

Marchino, perché dimostro meno anni di quelli che ho

Segni particolari

Molto pignolo. Ultimamente sto cercando di lasciarmi un po' andare per diventare più elastico.

Nato il

22/09/1978

Città

Milano

Residente a

Milano

Il primo lavoro

Può sembrare un controsenso, ma ho lavorato qualche mese da McDonald's mentre facevo la mia laurea triennale. Non bastando i soldi, mi ero trovato questo lavoro serale, tre o quattro volte a settimana. Facevo quasi sempre le chiusure. Era abbastanza pesante, ma mi sono anche divertito.

Che facevi, per la precisione?

Ero in cucina e preparavo gli hamburger.

L'ultimo lavoro

Quello che sto facendo da dieci anni: Tecnico di ricerca biochimica. Prima lavoravo molto di più in laboratorio, mentre negli ultimi due anni mi sono orientato nella divulgazione scientifica. Faccio parte di un team dell'Istituto e lavoriamo con le scuole, sia con gli studenti che coi docenti.

Li aggiornate sulle vostre ricerche?

Sì, qui all'Istituto Firc facciamo oncologia molecolare, ossia studiamo il cancro dalla sua nascita, quando all'interno del genoma cellulare succede qualcosa per cui la cellula inizia a funzionare male. Il nostro lavoro nelle scuole consiste nello spiegare come difendersi dal cancro, ad esempio con la sana alimentazione, e far capire che la parola cancro non deve far paura. Soprattutto cerchiamo di mostrare le applicazioni pratiche della biologia cellulare, molecolare, che a scuola viene studiata solo sui libri e risulta ostica.

La parola lavoro, cosa ti fa venire in mente?

Le dieci ore che ho occupate nella giornata. Però in senso positivo, era quel che volevo fare.

Ma quando da bambino ti domandavano "cosa vuoi fare da grande?", cosa rispondevi?

"Lo scienziato". Avevo il mio piccolo microscopio, i miei vetrini. Collezionavo foglie, insetti, al mare sezionavo pesciolini, e qualsiasi cosa portassi a casa la guardavo al microscopio. Mi piaceva anche aiutare mia mamma in cucina e inventare ricette.

Sulla carta di identità, alla voce professione c'è scritto

Ricercatore

Titolo di studio

Tecnico di ricerca biochimica, conseguito presso l'Istituto di Ricerca Farmacologica Mario Negri.

Lingue straniere conosciute

L'inglese, che è la lingua madre del mondo scientifico.

Esperienze di lavoro all'estero

Uno stage a Cambridge alle superiori. Ho avuto due offerte di lavoro all'estero, ma le ho rifiutate perché, secondo me, siamo un Paese in cui è possibile approfondire tanti argomenti senza andare per forza all'estero. Fare un'esperienza fuori dall'Italia può servire, ma dobbiamo anche rivalutare i nostri centri di ricerca, che sono validi.

Il tuo piatto preferito

La pizza, rigorosamente con farina integrale e una buona salsa di pomodoro. E i pizzoccheri. Uso la pasta al grano saraceno dei pizzoccheri, però li condisco con della salsa al pomodoro, pomodori secchi e freschi.

SEGUI JOBTALK E JOB24.IT ANCHE SU TWITTER CON 24JOB

 
  - Commenti -
Marco Bianchi, i consigli dello chef - scienziato: «In pausa pranzo niente piatti elaborati e piano con i condimenti»

RISULTATI
0
0 VOTI

Clicca per Condividere

RSS RSS Feeds
INIZIATIVE

Rivista italiana di management del Gruppo 24 Ore. Per aggiornare il manager sulle tendenze e le novità in tema di gestione d'impresa sotto diversi punti di vista

Il Gruppo 24 ORE per un nuovo Team professionale di vendita ricerca giovani max 32enni, ambosessi con spiccate doti relazionali e notevole capacità comunicativa



Il percorso del tuo Sapere
PIU LETTI
SHOPPING24