JOB24
- Home News Ricerca Annunci Strumenti Formazione e Master Blog
Cerca   nel sito   con   Google
 
27 maggio 2009

I MESTIERI DELL' OUTLET
Facce da negozio

di Carlo Arcari

Si comincia come commessi e si finisce a gestire per marchi prestigiosi negozi in Rodeo Drive o in un nuovo hub aeroportuale del Far East.

Passa dall'outlet la strada che migliaia di giovani, laureati e non, intraprendono per entrare in un mondo che offre possibilità di accesso a una carriera nel marketing internazionale. Ne è convinto Luigi Battuello, regional director di Mc ArthurGlen, il gruppo leader nello sviluppo e gestione di Designer Outlet Centre. Attualmente la società ne ha aperti 21, tra Regno Unito e Europa continentale, Italia compresa; ospitano complessivamente più di 1.800 negozi di 700 grandi marchi, in grado di attrarre ogni anno oltre 65 milioni di visitatori l'anno.

"Stiamo selezionando il personale per il centro di Marcianise che apriremo a fine settembre vicino a Caserta. Qui lavoreranno come addetti ai negozi da 800 a 1.000 persone – dice -. Nei nostri quattro outlet italiani (Serravalle, Barberino del Mugello, Noventa e Castel Romano) lavorano più di 2.500 dipendenti senza contare le migliaia di lavoratori esterni che prestano servizi ai centri commerciali. Il format continua a mietere successi ed è ancora in espansione. Basti pensare che Serravalle ha chiuso il 2008 con un flusso record di oltre 4.100.000 visitatori e un fatturato di 240 milioni".

Per la gestione di un centro le principali figure richieste sono: un direttore e due retail manager che in genere provengono dalla Gdo o da esperienze maturate con i grandi brand, tenendo presente che in un outlet durante i week end bisogna reggere la pressione di 50-60 mila clienti che diventano 70mila in tempo di saldi. Alla faccia della crisi.

"I candidati selezionati vengono comunque formati all'interno dalla nostra Retail Academy. Queste figure professionali sono nuove, come quelle dell'area marketing cooperativo dell'outlet che devono avere delle esperienze nel settore turismo dal momento che una quota crescente di ricavi vengono realizzati con turisti extraeuropei che comprano, ma chiedono anche ospitalità – osserva Battuello – ai quali si aggiungono migliaia di turisti italiani, perché sempre più persone passano il loro week end negli outlet".

Per la gestione dei negozi le figure ricercate sono simili a quelle tradizionali, ma il format outlet ha le sue particolarità. Il candidato ideale per fare carriera in uno store deve dimostrare di avere capacità gestionali, attitudine al visual merchandising, conoscenza delle lingue, almeno l'inglese. "Conosco un ragazzo che ha iniziato a Serravalle nel 2000 come commesso e dopo avere fatto lo store manager oggi va in giro pèer il mondo ad aprire i negozi di Roberto Cavalli – assicura Battuello -. E' sicuramente un modo interessante per capire come funziona la distribuzione moderna dei grandi brand della moda e del design. Una strada che io consiglio vivamente ai giovani studenti o neolaureati napoletani che potrebbero cominciare a lavorare a Marcianise nei week end. Lavorare qui vuol dire sprovincializzarsi, parlare inglese, allargare i propri orizzonti. Quando si apre in un outlet un negozio della Reebok viene ad inaugurarlo il brand manager europeo non l'area manager italiano perché l'outlet è un nodo importante della sua rete internazionale di business".


Scheda/ Tutti gli outlet d'Italia
Gli outlet, intesi come villaggi appositamente progettati e costruiti per ospitare centinaia di negozi dei principali marchi della moda e del design, impiegano tra dipendenti diretti e indiretti non meno di 10mila persone.
Il settore riunisce un ristretto gruppo di aziende, italiane e straniere che hanno realizzato e gestiscono 12 grandi centri distribuiti in tutta Italia, in prevalenza al Nord. Leader del comparto è McArthur Glen, gruppo londinese inventore del format e titolare di 4 villaggi outlet (di cui Serravalle è stato il primo) che diverranno 5 entro l'autunno 2009 quando aprirà il centro di Marcianise. Complessivamente i suoi villaggi mettono a disposizione dei brand 570 vetrine.
Al secondo posto si piazza un'azienda italiana, Fashion District di Brescia che nei suoi 3 villaggi (Mantova, Valmontone e Molfetta) ha già aperto oltre 400 negozi di 250 aziende. Il terzo operatore che fa capo alla Degi, società di real estate del Gruppo Allianz ,è titolare di due villaggi: Franciacorta Outlet e Valdichiana Outlet (costruiti dal Gruppo Percassi) che contano in totale 290 store.
Seguono Fidenza Village, outlet di lusso del gruppo inglese Value Retail, che ha in portafoglio una decina di grandi outlet in Europa, che vanta 120 negozi di grandi marchi; Vicolungo Outlet, realizzato in provincia di Novara da un consorzio senza scopo di lucro che riunisce 130 punti vendita. Offre prodotti di 200 marchi diversi del settore moda e design; Castelguelfo Outlet vicino a Bologna che conta una settantina di negozi.

 
  - Commenti -
 - Invia
 - Stampa
 - Ingrandisci
 - Diminuisci
  Archivio
L'outlet è il mio mestiere: Daniela Bricola, 36 anni, direttrice di Serravalle
STORIE / Mauro, Katia, Grazia, Andrea nel villaggio degli store manager
Katia: budget basso e personal shopper, non è una contraddizione
Il curriculum atipico di… Vasco Rossi

RISULTATI
0
0 VOTI
RSS RSS Feeds
Ricerca Annunci
INIZIATIVE

Rivista italiana di management del Gruppo 24 Ore. Per aggiornare il manager sulle tendenze e le novità in tema di gestione d'impresa sotto diversi punti di vista

Il Gruppo 24 ORE per un nuovo Team professionale di vendita ricerca giovani max 32enni, ambosessi con spiccate doti relazionali e notevole capacità comunicativa



Il percorso del tuo Sapere
PIU LETTI
SHOPPING24